ISTERECTOMIA Laparoscopica

Indicazioni per l’isterectomia laparoscopica class=”or”

Indicazioni assolute ?

  • Un utero di dimensioni superiori a 14 settimane = più di 800 gr .
  • Un fibroma unico o multiplo con sintomi come dolore, perdita di sangue con conseguente grave anemizzazione, compressione sulle vie urinarie, o altri sintomi.
  • Neoplasie maligne della cervice o dell’endometrio
  • Prolasso uterino totale con deiscenza dell’organo
chirurgia laparoscopica in ginecologia, endometriosi, isterectomia, prolasso, pavimento pelvico, aderenze, complicanze, qualità immagini

Indicazioni relative, quindi discutibili?

  • La sola Menorragia (mestruazione con perdita ematica molto abbondante)Non è di per sè una indicazione all’asportazione dell’utero in tutti i casi. Se l’utero è di volume normale e senza altre patologie, la menorragia può essere trattata in maniera semplice e meno invasiva con una ablazione endometriale. Se la causa è un mioma submucoso oppure un polipo , questa deve essere trattata con isteroscopia, conservando l’utero.
  • Sanguinamento irregolare e Menometrorragie : Solitamente è di natura disfunzionale, si verifica maggiormente nel periodo perimenopausale e quindi deve essere trattato con una terapia ormonale.Altre volte può dipendere dall’uso di contraccettivi orali (7%), In altri casi si può trattare di polipi, miomi, iperplasie adenomiosi eccetera. Prima di decidere per una isterectomia è necessario fare una corretta diagnosi ed individuare la causa. In molti casi l’asportazione dell’utero può essere evitata.

Quando rimuovere le ovaie ?

chirurgia laparoscopica in ginecologia, endometriosi, isterectomia, prolasso, pavimento pelvico, aderenze, complicanze, qualità immagini
ormoni dell’ovaio dopo menopausa
chirurgia laparoscopica in ginecologia, endometriosi, isterectomia, prolasso, pavimento pelvico, aderenze, complicanze, qualità immagini
ormoni dell’ovaio dopo menopausa

Nelle donne , sotto i 50 anni e non ancora in menopausa, è sempre bene lasciare le ovaie, se durante l’intervento non appaiono patologie visibili. Dopo i 50 anni o comunque in donne già in menopausa, la questione rimane controversa. Naturalmente va sempre discussa preventivamente con la paziente e gli Elementi da prendere in considerazione sono:

  • un rischio di 1 / 200 di un cancro ovarico
  • le donne con ovaie in situ vivono più lungo
  • dopo la menopausa le ovaie continuano a produrre ormoni, soprattutto androgeni, che sono difficili da sostituire.

Tecniche chirurgiche

L’ Isterectomia laparoscopica

L’isterectomia per laparotomia è il passato

  • noi faciamo sempre un isterectomia laparoscopica per un utero di meno di 1 kilo. Anche per un utero più grande un isterectomia laparoscopica è possibile fino a 1500 grammi per chirurgi esperti
  • La Laparotomia è il passato . Questa era la tecnica più usata nel passato. Questa tecnica è invasiva per la paziente;  si ha una cicatrice visibile permanente; piu dolore post-operatorio per le trazioni e sezioni dei fasci muscolari e una degenza più lunga, un recupero più lento, un maggior rischio di infezioni.

Anche con prolasso pelvico

  • per un prolasso faciamo un isterectomia subtotale laparoscopica con promonto-fissazione –  un intervento di 2.5 ore
  • Isterectomia Vaginale è la technica classica
    • ma con 30% di recidive
    • I limiti di questa tecnica
      • -Grandezza dell’utero (uteri di grandi dimensioni possono essere molto difficili da asportare.
      • Mobilità dell’utero( se l’utero è fisso o aderente ad altri organi pelvici
      • Esperienza del chirurgo

Isterectomia Totale o Sub-totale

  • L’Isterectomia totale è l’asportazione completa dell’utero, Subtotale è l’asportazione del corpo dell’utero; lasciando il colon. In caso di patologie del solo corpo dell’utero, come ad esempio i miomi, si può eseguire un intervento parziale, asportazione del solo corpo dell’utero e conservazione del collo, in questi casi si parla di isterectomia subtotale.
  • La decisione di fare un intervento subtotale deve esere valutata e discussa con la paziente.
  • Vantaggi dell’isterectomia subtotale :il collo e le strutture di sostegno del pavimento pelvico sono un sistema unitario: i ligamenti uterosacrale pubovesicale e parametrio. In aggiunta, questo ultimo contiene innervazione e vasi
    • un intervento meno invasivo con meno rischi di lesioni ad uretere e vescica.
    • la donna conserva una parte di un organo che , anche se non ha più utilità o funzione,ha un importante valore psicologico ed emotivo che si riflette sull’autostima e sulla sessualità.
    • Gli svantaggi sono quelli che si deve continuare a fare i controlli per la diagnosi precoce di eventuali tumori del collo dell’utero. (pap- test e colposcopia).
    • Migliore sessualità . Ciò è logico per la lubrificazione , la cervice rimane intatta e l’innervazione anche. Inoltre psicologicamente per la donna è positivo mantenere una parte di utero, perchè è un organo comunque legato al divenire donna (prima mestruazione, gravidanza, eccetera)
    • Meno dolore e recupero più veloce . Questo è molto evidente perché i tessuti del pavimento pelvico rimangono integri.

Complicanze

Le principali complicanze dell’asportazione dell’utero sono : emorragie sia intra che post-operatorie,lesioni vescicali, che se non riconosciute possono dare origine a fistole, lesioni ureterali quali sezione dell’uretere, danno termico con successiva occlusione o fistolizzazione, legatura dell’uretere. Oggi la maggior parte delle complicanze può essere trattata per via laparoscopica incluso le lesioni ureterali.

Isterectomia laparoscopica

L’Isterectomia laparoscopica offre molti vantaggi rispetto alla laparotomia: meno dolore, minore rischio di infezione,degenza  più breve, migliore risultato estetico, ritorno più rapido al lavoro.

Per giudicare l’esperienza del chirurgo puo valutare il tasso di conversione,

Il ricovero in ospedale è standard 2-3 giorni.

Complicazioni dell’isterectomia laparoscopica sono le stesse della isterectomia addominale

 

 

Share This

Shiny Trinket

Shiny trinkets are shiny.